Search in the website:

Lele

“Tutto cominciò così…la mia prima chitarra…ehm…credo di  aver avuto 3 anni. Mio padre me ne costruì una tagliando 2 pezzi di legno e mettendoci 4 vecchie corde. Sono molto affezionato a questo prezioso oggetto di “liuteria” tant’è che ancora oggi lo tengo appeso alla parete di casa, un po’ come fosse un talismano sciamanico. La prima vera chitarra a 11 anni, una cort nera…poi l’esplorazione della musica partendo con i gruppi  italiani degli anni ’60…La prima band ”Le illusioni” poi la scoperta dei grandi gruppi degli anni ’70 grazie ai vecchi vinili dei miei zii, l’infatuazione per il rock psichedelico e poi per il progressive rock italiano e inglese. I miei gruppi storici: ”Nowhere Now Here” dove ho suonato e cantato hendrix, cream, pfm, area, genesis, pink floyd, deep purple, orme, yes, biglietto per l’inferno per anni nelle bettole della zona; “Ouroborus” dove ho sperimentato l’utilizzo di strumenti etnici un po’ di tutti i tipi nonché primo gruppo con cui ho suonato assieme al chitarrista elettrico dei Brahma: il buon Deo. “Area Faber”, un tributo a de André e P.F.M. nel quale suonavano anche Deo e Freddi. Poi sempre con Deo “Area Movie” dove proponiamo colonne sonore.

Amo la musica in tutti i suoi aspetti e sotto ogni sua forma…come specchio, come mezzo di comunicazione e aggregazione, come fonte di adrenalina, come coperta di lana calda e avvolgente . L’ho sperimentata in Kenya, in Ecuador, con bambini, giovani, vecchi, nella clownerie, in coro e si è sempre rivelata un’insostituibile compagna di avventura. Ora sto studiando anche il suo uso terapeutico e il suo impiego nella cultura indiana… Con C’esco e i Musicanti il viaggio è appena cominciato ma il vento tira forte bagaj…il vascello tira dritto verso il mare in burrasca. Namaste ciurma, lele the wiseman 😉